J-Rock, anime e videogames: Loverin Tamburin

Aya cantante dei Loverin Tamburin
LOVERIN TAMBURIN – anche il rock può essere otaku, soprattutto se di origine giapponese

Una delle J-rock band che gli appassionati di anime e manga dovrebbero scoprire sono i Loverin Tamburin, band nata come cover band ma poi creatrice di memorabili colonne sonore per videogames della Sony. Il nome dei Loverin Tamburin è indissolubilmente legato a J-rock, anime e videogames. Sailor Moon, Dragonball Z, Pokemon, Saint Seiya  sono solo alcuni degli anime di cui il gruppo ha cantato le sigle e le theme song ad inizio carriera, con talmente tanta emozione e sentimento da non considerarle più canzoni “di qualcun altro”, ma rendendole loro. La main vocalist Aya ha anche pubblicato nel 2008 un cover album della soundtrack dei film di animazione dello Studio Ghibli, film che hanno toccato profondamente il cuore dell’artista. La band tuttavia non si dedica solo alle cover, ma rilascia anche canzoni originali che stando alla cantante, nascono dalla quotidianità che la band vive ogni giorno.

La splendida Aya, cantante di Loverin Tamburin, in stile tradizionale giapponese
Storia

La band, fondata nel 1997, conta due membri fissi e tre a rotazione. La cantante Aya fin da giovanissima ha iniziato a dedicarsi alla composizione e alla scrittura di canzoni. Dopo alcune esperienze come main vocalist in altre band, si è lanciata nel progetto Loverin Tamburin. Akihiro, il geniale pianista del gruppo, si occupa anche dell’arrangiamento musicale delle cover e compone i pezzi nuovi. Nonostante inizialmente la sua passione fosse la mountain bike, ha deciso di dedicarsi completamente alla musica, diventando prima pianista nei club degli hotel e poi suonando per i Loverin Tamburin.  Successivamente si sono aggiunti Igarashi Kouta, batterista, Fujio Ryo, alla chitarra, e Fire, bassista.  

Akihiro Nagao in concerto a Barcellona Salon del Manga
Il tastierista dei Loverin Tamburin, Akihiro Nagao, in concerto a Salon del Manga Barcellona
Il debutto

Il debutto avvenne nel 2006 con il brano Aishitageru, la sigla di apertura dell’anime “Makaisenki-Disgaea”. L’anno dopo confermarono il loro posto sulla scena musicale giapponese con  “mo・o!”, sigla di chiusura dell’anime “Nanatsuiro☆drops”. Quando poi, nel 2009, uscì Mugen Fighter, la theme song degli “Hiroshima Toyo Carp”, una squadra di baseball giapponese, coronarono definitivamente il loro successo.

I progetti in corso della band sono molti, e i Loverin Tamburin sempre correlati a J-Pop e J-Rock, anime e videogames. Uno dei più interessanti è sicuramente il recente singolo DA-SHI-TE, che fa parte della soundtrack del  videogioco per PS Vita “大江戸BlackSmith” della Nippon Ichi Software. Il gruppo si è già esibito a vari grossi festival europei, in Italia proprio i tre più grandi e prestigiosi: il Comicon a Napoli, Etna Comics a Catania e Lucca Comics and Games, memorabili concerti organizzati dall’Associazione Giapponese Ochacaffè.

Il J-Pop dei Loverin Tamburin in concerto
Il concerto dei Loverin Tamburin è divertimento assicurato!

Agli amanti degli anime giapponesi consigliamo sicuramente di farsi un giro su Spotify per seniter le loro canzoni!

Post Correlati

Leave a comment