Hadaka matsuri – festival dell’uomo nudo

640px-Hadaka_Matsuri_-Naked_Festival-_in_Saidaiji_Japan

In febbraio si svolge, di consueto, l’Hadaka matsuri – festival dell’uomo nudo, a Okayama presso il tempio Saidaiji Kannonin.

CHE COS’è L’HADAKA MATSURI

Hadaka matsuri è il Festival dell’uomo nudo. Si tratta di un festival giapponese che si svolge il terzo sabato di febbraio, a cui partecipano circa 10.000 uomini con addosso soltanto un perizoma e calzini tabi bianchi. Per circa un’ora essi corrono attorno al tempio per poi bagnarsi nella fontana dell’acqua quasi congelata, come simbolo di purificazione del corpo e dello spirito.

Successivamente si radunano davanti al tempio con l’obbiettivo di afferrare uno dei due bastoncini di legno profumato, detti shingi. Questi sono lanciati sulla folla da un sacerdote e chi riuscirà a prenderlo sarà benedetto da un anno fortunato. Oltre i bastoncini lancia anche 100 oggetti che però hanno una carica di fortuna inferiore. La competizione per riuscire ad assicurarsene uno è molto alta e feroce ed anche per questo molti dei giocatori si presentano in gruppi che spesso rappresentano le attività locali della città.

È un festival molto vivace e divertente in cui tutto ruota intorno alla fortuna e alla felicità. Molto apprezzato anche dagli spettatori che accorrono in migliaia a vederlo.

Hadaka matsuri: festival dell'uomo nudo
HADAKA FESTIVAL: festival dell’uomo nudo
ABBIGLIAMENTO

L’abbigliamento tipico del festival è il fundoshi, un perizoma bianco, e i calzini tabi bianchi. Di recente è entrato in uso l’utilizzo di un kimono bianco anche se sono molto rari i casi. Molto tipico e frequente, risalente alla tradizione originale del festival, è presentarsi nudi sprigionando la reale essenza di esso. 

STORIA del Hadaka Matsuri: festival dell’uomo nudo

Hadaka matsuri è un festival di origine shintoista risalente al periodo Nara. Era un rituale di passaggio verso l’età matura per i maschi adolescenti che consisteva in una prova di concentrazione spirituale e resistenza fisica. I giovani, dopo aver passato alcuni giorni in isolamento tra veglie e preghiere, la notte del rituale si ritrovavano insieme nel tempio. Dopo la presentazione delle loro offerte e la lettura dei norito (preghiere shintoiste) aveva inizio la competizione.

Nudi, dovevano cercare di afferrare un ramo che pendeva dal soffitto al quale erano appesi dei mochi (dolci di pasta di riso). Le regole della gara mettevano gli uni contro gli altri dato che colui che afferrava per primo il ramo vinceva. Singolarmente però era impossibile raggiungerlo, data l’altezza, per cui era necessario un lavoro di squadra. Alla fine la vittoria non ricadeva solo su colui che aveva afferrato il ramo ma anche su tutti coloro che avevano permesso questo traguardo. Questo rituale, nonostante avesse una sorta di competizione antagonista e di disgregazione sociale iniziale, era orientato al rafforzamento del concetto di armonia e di collaborazione. Se la gara si fosse risolta  con successo in breve tempo l’annata del racconto sarebbe stata buona.

Uomini che aspettano l'inizio del festival
Uomini che aspettano l’inizio del festival
FESTIVAL & COVID

Nonostante la situazione sanitaria globale il Giappone non ha avuto conseguenze forti come in Europa in tema pandemia, ed ha attuato delle contromisure efficaci per permettere il sereno svolgimento del Hadaka matsuri. Per evitare situazioni di affollamento non è stato permesso l’ingresso da parte del pubblico ed anche la battaglia per la conquista del portafortuna è stata eliminata.

Al festival hanno partecipato solo 100 uomini, ai quali è stato dato un oggetto fortunato. Rispettando tutte le norme contro la diffusione del covid attraverso l’utilizzo di mascherina, guanti, misurazione della temperatura e distanziamento, a turno tutti hanno potuto toccare un fundoshi (bastoncino fortunato). Successivamente sono stati estratti tramite lotteria i due uomini a cui assegnare i 2 ambiti bastoncini. Uno di essi, Takuji Fujita, è un medico che sta combattendo contro la pandemia.

…Poiché gli operatori sanitari e di assistenza di tutto il mondo stanno facendo del loro meglio contro il coronavirus, credo che il Buddha mi abbia scelto come rappresentate di questa categoria per donargli della fortuna”

Takuji Fujita

Parole che lasciano molto pensare e sperare che il 2021 possa davvero essere l’anno decisivo contro la battaglia per il coronavirus. Nonostante in 500 anni di festival questa sia la prima volta che non si svolge la battaglia alla ricerca di fortuna, esso ha donato un buon augurio verso un anno che speriamo porti la rinascita globale.

Fonti

Canale TV nazionale NHK
Itinerari nel sacro, Massimo Raveri, libreria Editrice Cafoscarina

Il Festival della Fertilità giapponese – K-ble Jungle

Post Correlati

% Commenti (1)

[…] Un altro festival da visitare è il Hadaka matsuri – festival dell’uomo nudo […]

Leave a comment