Scroll Top

Giappone sul podio olimpico del pattinaggio artistico: Kagiyama Yuma e Shoma Uno

Kagiyama-Yuma-Shoma_uno

Con i giochi olimpici invernali cresce l’attenzione verso i campioni giapponesi di pattinaggio di figura, che hanno dominato la gara di Pechino 2022. Scopriamo oggi i due protagonisti giapponesi del pattinaggio di figura maschile in queste Olimpiadi invernali: Kagiyama Yuma e Shoma Uno. Superati solo dall’americano Nathan Chen, i due hanno conquistato rispettivamente il terzo e il secondo posto del podio per il pattinaggio di figura maschile e sono, insieme a Yuzuru Hanyu, tra i migliori pattinatori giapponesi del momento.

Kagiyama yuma

Kagiyama Yuma è nato il 5 maggio del 2003, ed è quindi ancora uno studente liceale, avendo appena 18 anni. Viene dalla città di Yokohama e ha iniziato la propria carriera nel 2008 alla Orientalbio. Adora i videogiochi e ascoltare musica; è alto 1,61 m. Tra qualche mese entrerà nella Chukyo University, conosciuta per aver formato grandissimi pattinatori come Mao Asada, argento olimpico, e Miki Ando, due volte campione del mondo.

Kagiyama Yuma nel 2022
Il pattinatore giapponese Kagiyama Yuma

Il suo coach è in realtà anche suo padre, ovvero il campione Kagiyama Masakazu, che ha partecipato alle Olimpiadi del 1992 e del 1994 nella stessa disciplina. Il suo coreografo è Lori Nichol, ed è riuscito ad aggiudicarsi la medaglia d’argento alle Olimpiadi di Pechino con il suo miglior punteggio di sempre: 310.05 punti. Kagiyama ha anche ricevuto il punteggio più alto tra i membri della squadra giapponese nella gara di pattinaggio artistico a squadre, in cui il Giappone si è piazzato al terzo posto. I suoi successi a Pechino 2022 sono la coronazione di un viaggio intrapreso con il padre, di cui ha riportato in auge il nome.

“Mio padre si è congratulato con me. Abbiamo lottato insieme negli ultimi anni puntando alle Olimpiadi. Questo mi ha portato all’argento ed è stato fantastico condividere quella gioia.”

Kagiyama Uma

È conosciuto per i suoi salti quadrupli e per la velocità con cui riesce a sollevarsi dal ghiaccio. Questa caratteristica è indubbiamente una conseguenza del grande allenamento seguito dall’atleta, spinto fin da piccolo a vincere i suoi timori. Kagiyama è sicuramente una gemma del pattinaggio di figura giapponese, che deve la sua preparazione anche alla tutela del padre che lo ha accompagnato per tutta la sua carriera.

Esibizione di Kagiyama ai Winter youth Olympics del 2020

Il suo viaggio verso le Olimpiadi non è stato sempre facile: nel 2021 ha fatto fatica a realizzare i suoi salti quadrupli e ad ottenere buoni piazzamenti nelle competizioni. È infatti arrivato solo settimo al Gran Premio d’Italia di novembre, il terzo evento World Cup, dopo due grandi cadute. Kagiyama non si è però fatto abbattere, ed è riuscito a vincere la Internationaux de France due settimane dopo. Le sue ambizioni sono quelle di seguire anche le orme di altri grandissimi pattinatori ed affinare ancora di più la sua tecnica.

“Vorrei diventare ancora più un atleta a tutto tondo, che ottiene buoni punteggi in molti elementi come impressions e steps, come Chen, Hanyu e Uno.”

Kagiyama UMa

L’atleta e il padre affermano di puntare ancora più in alto, creare salti che nessuno ha mai portato a termine e, chissà, arrivare un giorno sul tetto del mondo.

Shoma uno

Nato a Nagoya il 17 dicembre del 1997, Shoma Uno inizia a pattinare all’età di cinque anni, nel 2002, alla Toyota Motors Corporation. Tra i suoi idoli abbiamo il pattinatore Daisuke Takahashi, campione del mondo nel 2010. Dopo un cambio di coach nel 2019, Uno si è anche allenato in Svizzera. Il suo coach odierno è Stéphane Lambiel, campione del mondo nel 2005 e 2006 e vincitore della medaglia d’argento alle Olimpiadi del 2006. Stéphan Lambiel è anche il suo coreografo, insieme a Kanji Miyamoto. Il suo punteggio migliore in assoluto è di 293.00 punti, ottenuti proprio il 10 febbraio 2022 alle Olimpiadi invernali di Pechino.

Shoma Uno nel 2019
Il pattinatore giapponese Shoma Uno

“Sono estremamente felice di essere riuscito ad arrivare alle Olimpiadi dopo tutto quello che è successo negli ultimi quattro anni e di aver avuto risultati da terzo posto.”

Shoma Uno

È alto 1,58 m, gli piace giocare a ping-pong e freccette, e adora i suoi cani. Dopo un periodo sabbatico continuerà a frequentare la Chukyo University, così come Kagiyama.

Esibizione di Shoma Uno alle Olimpiadi invernali del 2018

Il futuro del pattinaggio giapponese

Kagiyama e Shoma, insieme a Yuzuru Hanyu, che è arrivato quarto alle Olimpiadi di quest’anno, rappresentano il futuro della grande scuola giapponese di pattinaggio di figura. I due atleti che hanno ottenuto un posto sul podio hanno espresso la volontà di allenarsi e passare più tempo insieme. Allo stesso tempo, condividono l’ambizione di migliorarsi e ottenere ottimi risultati anche ai prossimi giochi invernali, programmati per il 2026 a Milano Cortina.

Yuzuru Hanyu è tra i migliori pattinatori giapponesi insieme a Kagiyama Yuma e Shoma Uno
Shoma Uno insieme a Yuzuru Hanyu

Sembra essere molto importante infatti, per la scuola del pattinaggio artistico, il concetto di condividere gli allenamenti proprio per confrontarsi e affinare la propria tecnica. Nonostante la differenza d’età, di 6 anni, entrambi esprimono il desiderio di imparare l’uno dall’altro. Osservare l’altro atleta potrebbe facilitare la comprensione di un elemento artistico, o far notare sbavature della propria esecuzione.

Questi due grandi atleti, che esprimono una grande stima l’uno per l’altro, puntano entrambi a sovrastare il campione in carica Nathan Chen, americano di origini cinesi e 3 volte campione del mondo. Non possiamo fare altro che augurare a entrambi buona fortuna e vedere che cosa ha in serbo il futuro per questi grandi pattinatori!

FOnti su kagiyama yuma e shoma uno

Iresults Kagiyama Yuma
Iresults, Shoma Uno
Profilo di Shoma Uno sulla pagina ufficiale delle Olimpiadi
Kyodo News, Olympics: Bronzed Shoma Uno sets sights on world’s best, 10/02/2022
Kyodo New, Olympics: Yuma Kagiyama’s silver a fitting stop on long father-son journey, 10/02/2022
The Japan Times, Yuma Kagiyama and Shoma Uno hoping to reach even greater heights after Beijing success
La pallavolo giapponese a Padova: Ran Takahashi

Post Correlati

% Commenti (1)

[…] Kagiyama Yuma nel pattinaggio di figura, singolo maschile […]

I Commenti sono chiusi.