Scroll Top

Hatsumode al Capodanno giapponese

visita-al-tempio

Oggi parliamo di pratiche e rituali, in particolare parliamo di hatsumode al Capodanno giapponese! Ne avete mai sentito parlare? 

Il Capodanno in Giappone è ben diverso da come lo viviamo noi, niente feste alcoliche tra amici di lunga data o spettacoli di fuochi d’artificio per intrattenere il pubblico, anzi. Moltissimi giapponesi festeggiano l’arrivo del nuovo anno a casa, con la propria famiglia, in tranquillità: si tratta di un momento dedicato alla purificazione spirituale. 
Detto così non sembra troppo entusiasmante, vero? 

Alla vigilia dell’anno nuovo, e per un paio di giorni a venire, numerose aziende giapponesi sono chiuse, concedendo ai lavoratori alcuni giorni da dedicare al cosiddetto nenmatsu nenshi  (年末年始), letteralmente, “la fine dell’anno e l’inizio dell’anno”. É proprio in questo periodo che, tradizionalmente, si svolge l’hatsumode.

Il termine hatsumode indica la prima visita dell’anno ad un tempio buddhista o a un santuario shintoista. Come potrete immaginare questa visita viene effettuata nei primi  giorni del nuovo anno con lo scopo principale di ringraziare le divinità per l’anno passato e per pregarle di portar fortuna nell’anno venturo, non a caso si tratta di uno dei tradizionali eventi annuali più importanti all’interno della realtà giapponese!

decorazione giapponese detta Shimekazari
Una tipica decorazione giapponese esibita durante l’anno nuovo: lo shimekazari

cosa bisogna fare per Hatsumode al Capodanno giapponese? 

I kanji che compongono la parola hatsumode (初詣) si possono tradurre letteralmente come la prima, 初 (hatsu), visita al tempio, 詣 (mode), facile, vero?

Durante questa visita solitamente i giapponesi acquistano amuleti e portafortuna per il nuovo anno e, in caso li abbiano acquistati l’anno precedente, è giunto il momento di restituirli alle divinità: verranno purificati e poi inceneriti così che possano fare ritorno in cielo. 

Tra coloro che visitano santuari shintoisti in molti acquistano un ema (絵馬): si tratta di tavolette in legno di piccole dimensioni che, si dice, abbiano la capacità di esaudire i desideri. Tradizionalmente queste tavolette dalla forma di pentagono irregolare hanno impresso da un lato il kanji negai (願), desiderio, oppure la scritta wish, mentre dall’altra si scrive (o si scrivono!) il proprio desiderio (o desideri!). Appendendo poi gli ema in luoghi adibiti pare che questi possano raggiungere lo sguardo delle divinità che, eventualmente, realizzeranno i desideri scritti sopra. 

Tavolette per Hatsumode al Capodanno giapponese
Alcuni simpatici ema attaccati vicino ad un santuario!

Un’altra attività tipica dell’hatsumode è la “divinazione della propria sorte”, che solitamente si effettua estraendo un omikuji (おみくじ o 御神籤), un foglietto di carta che prevederà quanta fortuna nelle relazioni, nella salute, nei guadagni, nella carriera e in altri aspetti della sua vita avrà colui che lo ha estratto.

Un altro rito annuale è il cosiddetto joya no kane (除夜の鐘), il tradizionale suono della campana del tempio 108 volte. Secondo il credo buddhista il rintocco rappresenta il processo di liberazione dell’umanità dai desideri terreni, accumulatisi durante l’anno.

In alternativa si possono acquistare presso santuari e templi anche oggetti portafortuna come ad esempio gli hama-ya (破魔矢), si tratta di frecce dal potere di distruggere il male in quanto benedette da sacerdoti, oppure amuleti yakuyoke e altri talismani per allontanare il male.

Capodanno
Capodanno diventa l’occasione perfetta per gustarsi numerose leccornie, anche quelle più costose!

dove andare?

Quindi, ricapitolando, ora sappiamo cos’è l’hatsumode e cosa si può fare durante questo evento, non resta che rispondere ad un’ultima domanda:

Durante i primi giorni dell’anno numerosi templi e altrettanti santuari organizzano celebrazioni per l’hatsumode, soprattutto il primo gennaio; in questi luoghi si respira aria di festa, con numerose bancarelle che vendono cibo e persone che attendono pazientemente in fila per poter pregare la divinità. Molti giapponesi visitano il tempio (o il santuario) della zona, oppure quello più vicino a casa, ma altri lo scelgono con attenzione, in base ai desideri che devono esprimere. Ormai sappiamo bene che ci sono infinite divinità nel pantheon shintoista, e ogni santuario è dedicato ad una divinità ben specifica: amore, soldi, successo nello studio, salute, fortuna negli affari, e non sono finiti qui! Esiste un kami per qualsiasi desiderio! 

Se vi trovate a Tokyo e volete vivere l’esperienza dell’Hatsumode in prima persona allora l’elenco seguente vi potrebbe tornare utile!

SANTUARIO KANDA: affari

Questo santuario ha una storia millenaria e, ogni anno, durante l’hatsumode, più di 300.000 persone vi si recano per pregare una delle tre divinità qui venerate:  Daikokuten, Ebisu, e Taira no Masakado. Siccome Daikokuten ed Ebisu sono due delle sette divinità della fortuna pare proprio che garantiscano il successo negli affari!  

Yushima Tenmangu: STUDIO

Se siete preoccupati per un esame che state per affrontare allora questo santuario fa al caso vostro. Si dice infatti che il dio Tenjin ascolterà i desideri di tutti coloro che studiano. In Giappone gli esami di ammissione all’università iniziano nella seconda metà di Gennaio, è diventata abitudine per gli studenti giapponesi recarsi al santuario ed esprimere il desiderio di venire ammessi nella loro università desiderata, spesso e volentieri il desiderio viene poi trascritto anche su un ema e appeso agli appositi pannelli. Per combattere definitivamente il malocchio si acquistano anche portafortuna per lo studio.  

Tokyo Daijingu: AMORE

Come potrete immaginare questo santuario è celebre tra i single che desiderano trovare la propria anima gemella, si tratta di un luogo molto richiesto per i matrimoni tradizionali, sarà anche per questo che si pensa che questa divinità possa aiutarci a realizzare i nostri desideri d’amore?

E voi, che desiderio volete esprimere?
Se questi santuari non vi hanno soddisfatto sappiate che non finiscono qui, anzi! Ce ne sono altri, numerosissimi, e ciascuno con la sua divinità, quindi non temete, ci sarà sicuramente il kami che fa al caso vostro! 

Hatsumode al Capodanno giapponese a Tokyo al tempio
I giapponesi festeggiano con Hatsumode al Capodanno giapponese: una visita al tempio
FONTI per l’articolo Hatsumode al Capodanno giapponese

Japan Times; The annual rites of passage into the new year
Japan Wonder Travel Blog; New Year’s rituals in Japan: Hatsumode
Matcha; Hatsumode – Visiting A Shrine Or Temple At New Year’s di MATCHA tradotto da Verity Lane
Muza-chan’s Gate to Japan; Traditional Japanese New Year decorations, Shimekazari
Natale e Capodanno in Giappone di Stefano Biasiolo

Post Correlati

Lascia un commento