Il duo mascherato AmPm domina le classifiche

AmPm duo producer giapponesi
Lupin Terzo, la colonna sonora giapponese

I fan del duo mascherato AmPm hanno tre nuovi motivi per essere felici, visto che il duo di produttori, a seguito del successo mondiale conseguito recentemente, pubblica tre brani nuovi di zecca a ottobre 2020.
I remix di una canzone di Ai Otsuka e della colonna sonora di “Lupin III”, saranno seguiti da un brano originale degli AmPm, che li vede collaborare ancora una volta con le voci di Michael Kaneko e Nao Kawamura. Progetti ambiziosi e che inglobano diversi stili, prova del genio che sta dietro alle maschere degli AmPm e del loro fiuto musicale.

Le fitte uscite discografiche AmPm

In calendario c’è la pubblicazione di un singolo a settimana, per tre settimane. Il primo brano è uscito il 7 ottobre, gli altri due il 14 e 21 ottobre.
Il 7 ottobre è stato rilasciato”Chime (AmPm Remix)”, una rielaborazione del famoso brano “Chime” di Ai Otsuka. Il remix rientra in un progetto di Otsuka, che prevede la collaborazione con produttori e artisti di diversi generi. Quella con gli AmPm è la terza collaborazione.

Chime (AmPm Remix) –Video musicale –

Questo brano è seguito dal remix degli AmPm “Theme for Lupin III 2019 – Lupin the Third Jam Remixed by AmPm”. Questo imperdibile pezzo rappresenta la prima parte di un interessante progetto, che prevede la partecipazione di artisti di un certo calibro chiamati a reinterpretare la musica della colonna sonora dell’amato anime “Lupin III”. La base strumentale è stata incisa tra il 2015 e il 2019 da Yuji Ohno, compositore della serie di “Lupin” dagli anni ’70.

In seguito, il 21 ottobre, esce un nuovo brano originale, “hurt you”. Questa canzone vede la collaborazione delle voci di Michael Kaneko e Nao Kawamura, che hanno prestato la propria voce anche per altri brani di successo degli AmPm, per un totale di 47 milioni di ascolti su Spotify. Questa sarà, però, la prima volta in cui canteranno insieme in un brano degli AmPm. “hurt you” è un brano ballabile che racconta la storia di un uomo disperato e infelice.

Profilo degli AmPm

Gli AmPm hanno esordito nel marzo del 2017 con un brano che è diventato subito una hit: ”Best Part of Us feat. Kaneko”. Il pezzo ha raggiunto i 35 milioni di ascolti su Spotify. Questo successo immediato ha procurato al duo mascherato giapponese fan in tutto il mondo. I tre brani in uscita questo mese confermano l’impressionante capacità di questo duo di lavorare con stile e generi completamente diversi, mantenendo la fama internazionale di produttori e artisti.

Il duo mascherato AmPm viene dal Giappone, sono produttori che hanno avuto un enorme impatto globale con la loro canzone di debutto nel 2017, “Best Part of Us”. Lo stesso anno, sono stati gli unici artisti giapponesi a portare la loro musica a Spotify On Stage, il festival di Spotify, in Indonesia. Nel 2018 hanno dominato i palchi di vari Paesi del mondo, da Ultra Miami ai concerti coreani e giapponesi, con spettacoli da headliner a New York.

collaborazioni

Oltre a pubblicare la loro musica originale, gli AmPm hanno remixato pezzi di famosi artisti internazionali come Afrojack, R3HAB e Nicky Romero. Non sono mancati i remix di canzoni giapponesi per artisti rinomati, come Gesu no Kiwami Otome (‘Black Parade’) e MONKEY MAJIK (‘Tokyo Lights’), e la produzione del pezzo ‘Holic’ di Ken Hirai.
Collaborano con una pletora di voci dance, e hanno pubblicato oltre 20 canzoni proprie. Nel marzo del 2019 hanno vinto il premio Digital Contents of the Year 2018 / 24th AMD Award, e il premio special della giuria. Nel giugno del 2019 hanno prodotto “All For You” di V6.

Progetto discografico giapponese per AmPm

Gli AmPm sono una delle esportazioni musicali giapponesi più richieste, con fan sia tra i musicisti che tra gli amanti della musica.

Musica del duo mascherato AmPm
Official website AMPM
Profilo Instagram
Account Twitter
Pagina Facebook
AmPm su note (solo in lingua giapponese)

Se amate i remix dance di canzoni di grande successo, non dovete perdere la versione di “Can’t Stop This” di Steve Aoki.

Post Correlati

Leave a comment