Animazione giapponese per principianti

Una lista di film giapponesi consigliata per muovere i primi passi nel magico mondo dei cartoni animati, insomma una specie di bignami dell’animazione giapponese per principianti.

La città incantata di Hayao Miyazaki

La città incantata
Il libro da cui è stato tratto La Città Incantata, edito in Italia da Kappa Edizioni.

Giappone, 2001, 125’
Chihiro e i suoi genitori stanno traslocando, quando il padre prende la strada sbagliata. Pensando di aver trovato un parco divertimenti abbandonato il padre si addentra nel complesso per visitarlo, seguito dalla moglie e, a malincuore, da Chihiro. I tre si trovano in una città composta da ristoranti e locali, e su un bancone trovano un ricco buffet. Allontanatasi dai genitori, Chihiro incrocia un ragazzino che le intima di andarsene al più presto, ma quando la bambina torna dai genitori è già troppo tardi e si sono trasformati in maiali. Un capolavoro d’animazione del grande maestro Hayao Miyazaki, tratto dal romanzo Il paese meraviglioso oltre la nebbia di Sachiko Kashiwaba.

Viaggio verso Agartha di Makoto Shinkai

Giappone, 2011, 116’
Nonostante la sua tenera età, Asuna è costretta a crescere in fretta dopo la morte del padre. Costantemente da sola, a causa del lavoro di infermiera della madre, trascorre le sue giornate ascoltando una radio di cristallo lasciatale dal padre come ricordo fino a quando, un giorno, conosce il misterioso Shun, che la salva dall’attacco di una creatura mostruosa. Shun le racconta di venire da un paese chiamato Agartha e di essere arrivato fin lì perché in cerca di qualcosa. Dopo essersi salutati, Shun muore in un incidente e, a scuola, Asuna apprende che Agartha è il nome del regno dei morti, dove si avventurerà insieme al professor Morisaki.

Tokyo Godfathers di Satoshi Kon

Il DVD giapponese di Tokyo Godfather
Il DVD giapponese di Tokyo Godfather

Giappone, 2003, 91’
Tokyo Godfathers è una favola natalizia ambientata nel cuore della capitale giapponese, la prima opera di Satoshi Kon ad essere distribuita nel circuito cinematografico italiano. Da qualche parte a Shinjuku, tre esuberanti senzatetto si fanno compagnia. Mentre i tre rovistano tra mucchi di spazzatura per cercare i loro personalissimi “regali di Natale”, sentono un pianto soffocato proveniente dal cumulo di immondizie: è una neonata. Decidono di tenere la bambina e
prendersene cura finché non potranno riconsegnarla alla madre naturale.

La ragazza che saltava nel tempo di Mamoru Hosoda

Giappone, 2006, 98’
Vincitore di numerosi premi al Tokyo International Anime Fair 2007, il film racconta la storia di Makoto Kanno, una liceale incerta sul proprio futuro, sia per quel che riguarda le questioni scolastiche, sia per quelle di cuore. Le cose cambiano quando ottiene l’abilità di, letteralmente, saltare indietro nel tempo. Makoto è infatti in grado di spostarsi sulla linea temporale e usa questo dono per risolvere questioni inizialmente ordinarie, scoprendone però sorprendenti effetti collaterali.

Pom Poko di Isao Takahata

Giappone, 1994, 119’
Il Giappone è in piena ricrescita economica: le aree residenziali sono in continua costruzione ed i quartieri si allargano a dismisura. A causa dell’avanzata del cemento e della grande urbanizzazione ddi Tokyo, i poveri tanuki, dei cani simili ai procioni, rischiano di perdere per sempre la collina di Tama. Diventando sempre più difficile trovare cibo e rifugio, questi animali devono usare le loro abilità magiche per cercare di salvare il proprio ambiente naturale.

Per chi volesse approfondire, il nostro sito offre vari articoli sull’animazione giapponese.

Post Correlati

Leave a comment